Lega Pro ed Erreà assieme per altri quattro anni

Lega Pro ed Erreà assieme per altri quattro anni

Presentata la partnership. Ghirelli: "Proseguiamo il cammino"

Solutions Manager
  • Presentata la partnership. Ghirelli: "Proseguiamo il cammino"
  • (ANSA) - ROMA, 12 FEB - La stagione 2020/21 era iniziata con la presentazione del pallone modello 'Connector', che è riuscito a collegare 59 città, club e campi sportivi. Oggi, con il rinnovo della partnership per i prossimi quattro anni, Lega Pro ed Erreà Sport inaugurano un percorso. Una connettività che sfrutta strumenti tecnologici per offrire ai calciatori e ai tifosi nuove esperienze, condividendo nuove interazioni e valorizzando il prodotto Serie C attraverso i giovani. Il pallone continuerà a essere il tratto distintivo della partnership, e da solo sarà in grado di attivare connessioni fisiche e digitali, diventando l'anello di trasmissione dei valori che legano Erreà con Lega Pro.
        La partnership è stata illustrata nell'ambito di un evento digitale al quale hanno partecipato i rappresentanti di 59 club di Serie C. "Per Lega Pro era fondamentale proseguire il cammino intrapreso con Erreà, che condivide con noi una forte presenza sul territorio e una tendenza costante all'innovazione - ha detto Francesco Ghirelli, presidente Lega Pro -. Davanti abbiamo importanti sfide, dobbiamo necessariamente continuare a sperimentare nuove tecnologie e processi in modo da anticipare il mercato e rispondere alle esigenze dei club, dei calciatori e dei tifosi, che sono in continua evoluzione".
        "Sono molto fiero del rapporto che ci lega da anni alla Lega Pro, frutto di un percorso di piena sintonia e sinergia di forze", ha dichiarato Angelo Gandolfi, presidente di Erreà Sport Spa -. Una partnership che rappresenta per noi motivo di grande orgoglio e occasione di continua crescita professionale.
        Desideriamo continuare a garantire qualità, tecnica ed innovazione, sposando i progetti sviluppati insieme alla Lega che sono orientati alla valorizzazione dei giovani e al radicamento nel territorio". (ANSA).