Covid:Serie D;Barbiero'mai venuto meno a confronto con club'

Covid:Serie D;Barbiero'mai venuto meno a confronto con club'

'Se ok a spostamento tra regioni si prosegue con i recuperi'

Solutions Manager
  • 'Se ok a spostamento tra regioni si prosegue con i recuperi'
  • (ANSA) - ROMA, 04 NOV - "Non mi sono mai sottratto al confronto con le società perché sono uno abituato a metterci la faccia, in tutte le questioni. Se qualcuno vuole per forza trovare un responsabile di ciò che non va, quello sono io insieme al consiglio del dipartimento, non certamente il presidente Sibilia. La disponibilità nei confronti delle società è assoluta. La critica è sempre legittima, l'insulto no". Luigi Barbiero, coordinatore del Dipartimento Interregionale che organizza il campionato di Serie D per la Lega Nazionale Dilettanti non ha tirato indietro la gamba, rispondendo in diretta social a tutti gli argomenti durante il confronto con i presidenti del Seregno Davide Erba e del Legnano Giovanni Munafò, che hanno sollevato dubbi e polemiche sulla gestione del campionato. "Abbiamo chiesto un parere sull'interpretazione dell'ultimo DPCM per quanto riguarda lo spostamento tra regioni.
        Nella giornata di domani saremo in grado di comunicare alle società se il campionato proseguirà e con quali modalità. Le opzioni allo studio sono due: qualora sarà consentito lo spostamento delle squadre tra le regioni si proseguirà da domenica 8 con i recuperi. In caso contrario l'attività sarà sospesa fino al 3 dicembre con la ripresa il 6 dicembre con i recuperi".
        Barbiero affronta anche il tema legato alle misure di contenimento del contagio. "L'attuale protocollo sanitario della Serie D è stato recepito dalla FIGC in seguito all'approvazione da parte del Dipartimento per lo Sport - spiega - pertanto bisogna solo applicarlo. In ogni caso voglio precisare che stiamo elaborando una proposta di modifica, con il supporto del nostro responsabile medico, introducendo delle azioni che possano renderlo più efficace, ad esempio con il ricorso ai tamponi rapidi". (ANSA).