Champions: Galtier avvisa la Juve, Psg vuole arrivare primo

Champions: Galtier avvisa la Juve, Psg vuole arrivare primo

"Bianconeri deludenti perché penalizzati dalle tante assenze"

Solutions Manager
  • "Bianconeri deludenti perché penalizzati dalle tante assenze"
  • (ANSA) - TORINO, 01 NOV - Cristophe Galtier avvisa la Juventus in vista del confronto di domani allo Stadium.
        "Scenderemo in campo per vincere e per conquistare il primo posto nel girone" dice il tecnico del Paris Saint Germain. Sarà dunque partita vera, nonostante la formazione di Allegri sia già fuori dalla Champions e i parigini abbiano già ottenuto il pass per gli ottavi di finale: "Essere capolista è importante nei sorteggi, il nostro obiettivo è arrivare primi - continua l'allenatore in conferenza stampa - ma anche la Juve lotterà con le unghie e con i denti per conquistare un posto in Europa League".
        I bianconeri sono la grande delusione del girone: "Sono stati penalizzati fortemente dalle assenze - l'analisi di Galtier sul fallimento europeo della squadra di Allegri - e in particolar modo quelle di Pogba e Chiesa: in Champions serve il 110% dal punto di vista tecnico e mentale, questa concatenazione di infortuni ha indebolito la squadra".
        Ogni anno il Psg è indicato come una delle favorite alla vittoria finale: "Speriamo sia l'anno buono, c'è tanta attesa e grande fiducia non solo a Parigi ma in tutta Europa - dice Galtier - e tutto il club fa il meglio per metterci nelle condizioni di vincere: è un trofeo molto difficile da conquistare perché a volte le partite sono folli, ma abbiamo una rosa di grandi campioni e con tanta esperienza". Tra i parigini domani sera non ci sarà lo squalificato Neymar, mentre Sergio Ramos guiderà la difesa: "Ho avuto un anno pieno di infortuni, adesso mi sento bene e ho voglia di vincere - dice lo spagnolo - e sono sicuro di poter giocare ancora qualche anno: ho il sogno di trionfare al Mondiale, io sono a disposizione ma le decisioni spetteranno al ct". E sul rapporto con Messi: "In passato siamo stati avversari, ma è molto meglio averlo come compagno - dice Ramos sulla 'Pulce' - ed è un giocatore fantastico, il migliore al mondo: il nostro rapporto è ottimo, è molto concentrato sulle partite ed è sempre al massimo livello, non mi sembra proprio che si stia preservando per il Mondiale". (ANSA).