Champions: Bayern-Psg. Gnabry assente perché positivo al Covid

Champions: Bayern-Psg. Gnabry assente perché positivo al Covid

Flick ne aveva annunciato il forfait parlando di 'mal di gola'

Solutions Manager
  • Flick ne aveva annunciato il forfait parlando di 'mal di gola'
  •  "Serge Gnabry è stato trovato positivo al Covid-19. L'attaccante sta bene ed è in autoisolamento a casa". Con questa nota il Bayern Monaco ha spiegato il motivo dell'assenza del suo giocatore nella sfida di domani dei quarti di Champions League contro il Psg. In conferenza stampa, l'allenatore dei bavaresi Hansi Flick aveva parlato in questo modo delle condizioni di Gnabry: "aveva mal di gola e dovrebbe essere assente". Sabato scorso lo stesso Gnabry era sceso in campo nel big match della Bundesliga contro il Lipsia, mentre il 31 marzo aveva giocato nella Germania che aveva perso contro la Macedonia del Nord.

    "Questa è una nuova partita, e il Paris St. Germain ha una nuova squadra e un nuovo allenatore. Ma nel complesso non è cambiato molto dalla finale dello scorso anno. Dobbiamo essere ben organizzati, e se perdiamo palla dobbiamo essere in grado di rimetterli rapidamente sotto pressione. Per quanto riguarda l'attacco, vorremmo dimostrare un po' più di fiducia e determinazione rispetto alla partita contro il Lipsia, e questo anche se ci mancheranno Lewandowski e Gnabry".
        E' la vigilia di Bayern Monaco-Psg, rivincita della finale di Champions dell'anno scorso vinta dai bavaresi, e che quest'anno vale 'solo' un quarto di finale. Il tecnico dei campioni in carica Hansi Flick paragona le due partite, manifestando ottimismo nonostante le assenze.
        "Il Psg ha una difesa forte e ovviamente la sua qualità in attacco è eccezionale - dice ancora il tecnico del Bayern -.
        Dobbiamo essere in grado di fermare il loro giro palla. Questo significa anche mettere sotto pressione il prima possibile chi ha la palla. Ed è così che, secondo me, si fermano Neymar e Mbappé. Neuer? è stato eccezionale nella finale dello scorso anno e non so dire se questo possa condizionare il Paris. Ma è un vantaggio per la nostra squadra avere un portiere di livello mondiale". Chi giocherà al centro della difesa accanto ad Alaba, Boateng o Sule? "Non dico mai la formazione il giorno prima di una partita - risponde Flick -: a questi livelli ogni giocatore deve prepararsi sempre come se l'indomani fosse sicuro di giocare. L'importante è che la nostra linea difensiva resti compatta con il mediano, Kimmich, e le due mezzeali per non concedere troppi spazi agli avversari".