Betturri, umiliati da continui rinvii calendari Serie D

Betturri, umiliati da continui rinvii calendari Serie D

Presidente Trastevere,'caos impianti, promosse tutte fuori casa'

Solutions Manager
  • Presidente Trastevere,'caos impianti, promosse tutte fuori casa'
  • (ANSA) - ROMA, 07 SET - "Il campionato di Serie D è assai importante e ha un'impronta nazionale. Sentiamo come un'umiliazione che società di categorie inferiori abbiano già calendari e gironi e stiano giocando, come l'Eccellenza con la Coppa Italia. Situazioni paradossali alle quali non si mette mai mano con regolamenti precisi, come l'abolizione dell'art.10 comma 52. Un campionato di Serie D per una giusta visibilità, dovrebbe cominciare al massimo il primo settembre".
        In attesa di sapere in quale girone della Serie D sia stata messa la sua squadra, e quindi anche di conoscere il calendario, il presidente del Trastevere Pier Luigi Betturri si è lasciato andare a un duro sfogo durante la presentazione della maglie del club del Rione per la stagione entrante, prodotte dal nuovo sponsor tecnico Errea, lo stesso che, nella Capitale, 'veste' Athletica Vaticana.
        "E' un'ulteriore umiliazione è stata perpetrata ai nostri danni - ha detto ancora Betturri - con l'estromissione dei club di Serie D dalla Coppa Italia Tim. Quest'anno il Trastevere avrebbe avuto diritto, per la terza volta in cinque anni, a partecipare, tuttavia questo diritto è stato cancellato".
        Non poteva mancare una battuta sulla "enorme disparità" fra le norme che regolano l'uso degli impianti sportivi fra Serie D e Serie C, e che al Trastevere è costato il ripescaggio in terza serie a causa della mancanza di impianti a norma, a Roma e provincia e a parte lo stadio Olimpico, per poter disputare il terzo campionato calcistico nazionale. Per risolverlo, e se una parte del mondo politico locale manterrà certe promesse, il club del Rione starebbe pensando di costruirsi un impianto di proprietà in zona Eur, dove sorgeva il Velodromo Olimpico.
        Intanto Betturri ha voluto sottolineare una situazione paradossale: "nessuna delle nove vincitrici dei vari gironi di Serie D giocherà in casa in questa stagione - ha detto-. Il Gozzano ha rinunciato, il Montevarchi giocherà a Pontedera, il Trento a Salò, il Seregno a Busto Arsizio e il Messina a Crotone. Ci vuole un decisa riforma, con una Serie C/1 professionistica a girone unico e una C/2 a due gironi con le stesse regole della serie D". (ANSA).