Agnelli: 'Dialogo con Uefa, minacce non fanno paura'

Agnelli: 'Dialogo con Uefa, minacce non fanno paura'

"Stimo Ceferin". Cherubini, Ronaldo? Nessun segnala vada via

Solutions Manager
  • "Stimo Ceferin". Cherubini, Ronaldo? Nessun segnala vada via
  • E' iniziato il nuovo corso Juve, ma i temi caldi restano gli stessi dell settimane passate: dalla Superlega al futuro di Cristiano Ronaldo, passando per il rinnovo di Dybala. Il club bianconero è impegnato su più fronti. Così, il giorno delle presentazioni dei nuovi volti dirigenziali, quelli dell'ad dell'Area Football, Maurizio Arrivabene, e del Football Director, Federico Cherubini, è diventato l'occasione per l'ennesimo capitolo della querelle Agnelli-Ceferin. "Ribadisco che, da parte nostra, c'è volontà di dialogo per affrontare i problemi e che non abbiamo paura delle minacce fatte nell' arco dei mesi - precisa il numero uno bianconero -. La nostra azione legale porterà a risultati soddisfacenti: il vero successo, però, arriverà quando si tornerà ad avere un dialogo nell' interesse di tutti". Intanto, la Juve ha ricevuto l'ok per l'iscrizione alla prossima Champions League e tra i due presidenti, quello del club e quello dell'Uefa, presto tornerà il sereno, assicura Agnelli: "Abbiamo ricevuto con serenità la lettera Uefa per l'ammissione in Champions, il tempo aggiusterà ogni disguido e incomprensione: ho un ottimo rapporto con Ceferin e lo stimo come persona, oltre al fatto che resta sempre il padrino di mia figlia. E con le dimissioni dalle mie cariche (presidente di Eca e membro dell'esecutivo Uefa, ndr) - aggiunge il, presidente bianconero - mi sono comportato nella maniera più corretta". L'altro argomento maggiormente dibattuto non può che essere il futuro di Ronaldo. "Non c'è nessun segnale di un eventuale trasferimento, né da parte sua e nemmeno della Juve - la ricostruzione di Cherubini - e parliamo di un calciatore che solo l'anno scorso ha segnato 36 gol: i numeri non dicono tutto ma nascondono tante verità, noi siamo contentissimi del fatto che unirà alla squadra quando avrà terminato il periodo di vacanza". Non solo, "Ronaldo è centrale nel progetto - aggiunge Cherubini - e, anche se non ho la sfera di cristallo, ribadisco che siamo estremamente felici che faccia ancora parte della squadra". La prima missione del nuovo Football Director della Juventus, dunque, sarà quella di prolungare il contratto di Dybala, in scadenza a giugno 2022. Tema sul quale interviene il vicepresidente, Pavel Nedved. "Cherubini è in continuo contatto con il giocatore e con il suo agente Antun, quando tornerà dalle vacanze a Miami proseguiremo i discorsi". La Juve deve necessariamente tornare a vincere - di certo non le bastano i trofei dell'ultima stagione, la Supercoppa italiana e la Coppa Italia - per Nedved la ricetta è semplice: "Tutti sanno qual è la strada: servono disciplina e lavoro, questo è il dna della Juve e dobbiamo mantenerlo per tornare a trionfare". La rosa ereditata da Allegri, però, potrebbe essere molto simile a quella lasciata da Pirlo: "Abbiamo già una squadra competitiva, lo pensa anche il nostro allenatore - l'avviso di Cherubini sul mercato - e abbiamo margini di crescita già con questo patrimonio tecnico: sarà mercato in cui non saremo molto attivi, ma vigili per accogliere eventuali rinforzi in linea con parametri tecnici ed economici". Dovrà essere una Juve non solo bella, ma anche vincente: "Se una squadra è vincente diventa bella automaticamente. Se perdi puoi essere bellissimo, ma lo sei molto meno" la filosofia di Arrivabene, presente al fianco di Agnelli nella conferenza stampa all'Allianz Stadium.