Mondiali: Italia-Svizzera 1-1

Mondiali: Italia-Svizzera 1-1

Gli svizzeri in vantaggio con Widmer, il pari poi di Di Lorenzo. Jorginho sbaglia ancora una volta un calcio di rigore

Solutions Manager
  • Gli svizzeri in vantaggio con Widmer, il pari poi di Di Lorenzo. Jorginho sbaglia ancora una volta un calcio di rigore
  • Italia e Svizzera 1-1 in una partita del gruppo C delle qualificazioni europee del Mondiale di Qatar 2022, giocata allo stadio Olimpico.

    Al 90' Jorginho sbaglia un calcio di rigore:
     è il secondo penalty consecutivo fallito con la maglia azzurra.
    1-1 al 36' Gol di Di Lorenzo
    0-1 al 11' Gol di Silvan Widmer 

    La carrozza non è ridiventata zucca (non ancora, almeno) ma l'incantesimo che aveva portato l'Italia di Mancini sul trono calcistico d'Europa pare svanito. Tornati in quello stadio Olimpico che aveva lanciato la loro rincorsa al titolo continentale, gli azzurri pareggiano in rimonta (gol di Di Lorenzo) 1-1 con la Svizzera, sbagliano con Jorginho, che già aveva fallito all'andata a Basilea dal dischetto, un rigore a pochi minuti dalla fine dopo aver rischiato per l'intero primo tempo il colpo del ko: e ora vedono in pericolo la qualificazione ai mondiali del Qatar dell'anno prossimo. Tutto è possibile, infatti, a un turno dalla fine del girone: si giocherà lunedì (Italia in Irlanda del Nord e Svizzera in casa con la Bulgaria) e le due squadre sono ancora a pari punti. La differenza reti per l'Italia è +11, per la Svizzera +9: sarà il criterio decisivo in caso di arrivo alla pari, prima di una serie di discriminanti che potrebbero condannare la seconda alla ghigliottina di play-off tutt'altro che facili. Fatto sta che l'Italia a giugno qui a Roma aveva battuto 3-0 gli elvetici e stasera giocando a lungo sotto ritmo ha fallito due match ball con un colpo solo: il rigore calciato malamente da Jorginho, che avrebbe dato il successo nella sfida diretta e - virtualmente - la qualificazione ai mondiali.

    "Il rigore di Jorginho? Lui è uno dei rigoristi, se se la sentiva è giusto che abbia tirato". Roberto Mancini assolve il centrocampista del Chelsea, pur ricordando che contro la Svizzera "ha sbagliato sia all'andata che al ritorno". L'1-1 dell'Olimpico complica le qualificazioni al Mondiale: "Abbiamo sofferto nel primo tempo - ammette il ct - bene invece nel secondo. Il gioco c'è stato ma non è arrivato il gol. La qualificazione ce la giocheremo all'ultima" in casa dell'Irlanda del Nord. "Partiamo con un vantaggio non piccolo - conclude Mancini alla Rai - Se riusciamo a fare tutti i gol che non abbiamo fatto questa sera...".

    "Con l'Irlanda del Nord faremo la partita che avremmo fatto anche vincendo stasera. E' la nostra mentalità, giocare per vincere e andare al mondiale". Leonardo Bonucci ai microfoni della Rai, mette in chiaro il progetto degli azzurri dopo l'1-1 con la Svizzera. "Noi andremo lì per fare il nostro gioco e vincere - ha proseguito -. Oggi abbiamo preso due tiri e siamo stati poco cattivi, ora guardiamo avanti e recuperiamo energie per Belfast. Lo sbaglio di Jorginho? Lui è il nostro rigorista e continuerà ad esserlo, capita di sbagliare ma noi dobbiamo andare avanti. Da squadra, da gruppo, da famiglia possiamo prenderci il mondiale".

    "Siamo entrati contratti in campo, abbiamo subito qualche contropiede di troppo. Sistemati questi aspetti abbiamo giocato meglio. La gioia del gol? E' dimezzata per questo pareggio, ma già da lunedì dovremo pensare a Belfast, ad andare lì per vincere". Così Di Lorenzo, autore del pari azzurro contro la Svizzera, ai microfoni Rai. "Jorginho è un grande campione ed è il nostro rigorista. Gli daremo tutti una mano per superare questo momento" ha aggiunto il difensore, commentando l'errore dal dischetto del cantrocampista.

    I fischi dell'Olimpico hanno coperto l'inno nazionale elvetico. Sonora la bordata iniziale di parte dello stadio, subito coperto dal lungo applauso della maggioranza dei 50 mila tifosi presenti nello stadio romano. 

    Giampiero Galeazzi è stato ricordato con una foto sul maxi schermo e un annuncio nel prepartita della sfida Italia-Svizzera di questa sera all'Olimpico, valida per le qualificazioni ai Mondiali in Qatar del prossimo anno. "Sono certa che stasera anche lo Stadio Olimpico saprà ricordarti per come meriti", aveva anticipato stamane in un tweet la sottosegretaria allo Sport, Valentina Vezzali.

    "Ciao Giampiero, sei stato speciale sia come inviato che come uomo". Con questo tweet, e l'emoticon delle mani che pregano, il ct della Nazionale Roberto Mancini ricorda, a meno di due ore dalla partita contro la Svizzera, Giampiero Galeazzi, del quale il tecnico azzurro posta anche una foto.

    Le formazioni di Italia-Svizzera.

    Italia (4-3-3): 21 Donnarumma; 2 Di Lorenzo, 19 Bonucci, 15 Acerbi, 13 Emerson Palmieri; 18 Barella, 8 Jorginho, 5 Locatelli; 14 Chiesa, 9 Belotti, 10 Insigne (1 Sirigu, 12 Meret, 23 Bastoni, 3 Biraghi, 7 Calabria, 6 G. Mancini, 32 Cataldi, 16 Cristante, 12 Pessina, 4 Pobega, 34 Tonali, 11 Berardi, 20 Bernardeschi, 22 Raspadori, 91 Scamacca). Ct.: Mancini. Squalificati: nessuno. Diffidati: Toloi, Chiellini, Pellegrini, Pessina, Barella, Bernardeschi. Indisponibili: Immobile, Chiellini, Pellegrini, Zaniolo.

    Svizzera (4-3-2-1): 1 Sommer; 3 Widmer, 22 Schar, 5 Akanji, 13 Ricardo Rodriguez; 17 Vargas, 6 Zakaria, 8 Freuler; 11 Steffen, 23 Shaqiri; 9 Okafor. Ct.: Yakin. Squalificati: nessuno. Diffidati: Elvedi, Akanj, Sow, Aebischer. Indisponibili: Xhaka, Elvedi, Fassnacht, Kobel, Seferovic, Embolo, Zuber.

    Arbitro: Taylor (Ing.)