Manovra: via libera all'apprendistato nel calcio

Manovra: via libera all'apprendistato nel calcio

Presidente Figc Gravina: "Grazie Governo, atto rivoluzionario"

Solutions Manager
  • Presidente Figc Gravina: "Grazie Governo, atto rivoluzionario"
  • (ANSA) - ROMA, 29 OTT - Nella Manovra varata ieri dal CdM è stata introdotta la possibilità per le società professionistiche di stipulare contratti di apprendistato professionalizzante.
        "Siamo di fronte ad un atto rivoluzionario, che genererà ricadute positive in ambito economico, ma soprattutto in campo sociale" plaude il presidente della Federcalcio Gabriele Gravina, che apprezza anche l'introduzione nelle scuole primarie dell'ora di educazione motoria con docenti specializzati.
        "Ringrazio il Governo - continua Gravina - che ha accolto la nostra richiesta. La sensibilità del ministro del Lavoro Orlando e la tenacia della sottosegretaria allo Sport Vezzali hanno consentito al calcio di segnare uno splendido gol".
        Nell'elaborato che verrà sottoposto al vaglio dei due rami del Parlamento, infatti, è stata introdotta la possibilità per le società professionistiche di stipulare contratti di apprendistato professionalizzante, fissando il limite a 23 anni di età. Una volta approvata la Manovra, le società potranno quindi assumere calciatori riducendo l'impatto fiscale, purché si preoccupino della loro formazione e avviamento al lavoro per il post-carriera da giocatore.
        "Sin dai tempi della mia presidenza in Lega Pro - conclude Gravina, che ha inserito tale applicazione anche nella piattaforma programmatica di candidatura alla presidenza federale - ho sempre ritenuto l'apprendistato una delle soluzioni chiave per impedire che il calcio continuasse a crescere 'ragazzi senza futuro'. Soprattutto nei primi livelli del professionismo e, tenuto conto della limitata vita agonistica di un calciatore, è necessario un percorso formativo adeguato per l'inserimento nel mondo del lavoro una volta appesi gli scarpini al chiodo". (ANSA).