Champions: Zidane "basta parlare di Superlega o siamo fregati"

Champions: Zidane "basta parlare di Superlega o siamo fregati"

'Domani abbiamo una partita, dobbiamo pensare solo al Chelsea'

Solutions Manager
  • 'Domani abbiamo una partita, dobbiamo pensare solo al Chelsea'
  • (ANSA) - ROMA, 26 APR - Più che parlare di Champions, è stato costretto a farlo sulla Superlega. Alla vigilia della semifinale contro il Chelsea (domani l'andata al 'Di Stefano', in Italia diretta alle 21 su Sky e, in chiaro, su Canale 5) l'allenatore del Real Madrid Zinedine Zidane ha dovuto rispondere a una serie di domande sul nuovo torneo per i club, per ora 'abortito', del quale il Real era uno dei soci fondatori. E tutto ciò, in vista di domani, per 'Zizou' può essere un problema.
        "Non vorrei più sentir parlare di questa cosa - ha detto Zidane - perché se cominciamo a pensarci siamo fregati, e ci 'incartiamo'. Domani abbiamo una partita, e dobbiamo concentrarci su questo e pensare a giocare".
        Ma l'Uefa, è stato chiesto a Zidane, potrebbe 'vendicarsi' sul Real magari con un arbitraggio sfavorevole? "L'arbitro farà il suo lavoro - la risposta del tecnico - e noi giocheremo al calcio. Se ci mettessimo a pensare a cose che esulano dal contesto del campo, ci complicheremmo la vita da soli". Ma in futuro, tipo nella prossima stagione, il Real rischia di essere escluso dalla Champions come sanzione per la Superlega? "E' assurdo pensarlo - le parole di Zidane -. Da fuori se ne parla molto, noi non possiamo controllare le chiacchiere e io mi concentro sulla partita col Chelsea. Ma la mia opinione è che tutti vogliamo vedere il Real Madrid in Champions. Se appoggio il presidente Florentino Perez? Lui sa come la penso".
        Detto che Hazard è disponibile, che Kroos giocherà e che invece Mendy non ce la farà, Zidane ha aggiunto che "sia il Chelsea che noi abbiamo meritato di arrivare in semifinale, abbiamo fatto entrambi il nostro lavoro e anche loro hanno una certa esperienza nelleCoppe. Sarà una partita complicata, dovremo stare molto attenti e difendere bene". (ANSA).