Calcio: Gasperini, bisognava fare di più per vincerla

Calcio: Gasperini, bisognava fare di più per vincerla

Alvini applaude suoi, pareggiato su campo difficile con spirito

Solutions Manager
  • Alvini applaude suoi, pareggiato su campo difficile con spirito
  • (ANSA) - BERGAMO, 11 SET - "Qualcosa in più, per vincerla, bisognava farlo". Gian Piero Gasperini commenta così il pareggio casalingo con la Cremonese, costato alla sua Atalanta l'aggancio in vetta di Milan e Napoli, che ieri hanno conquistato bottino pieno contro Sampdoria e Spezia. "Nel primo tempo abbiamo attaccato con i singoli giocatori, senza gioco di squadra, nel secondo potevamo fare bene, dovevamo sfruttare gli spazi che si sono creati dopo il vantaggio", è l'analisi del tecnico bergamasco.
        "Abbiamo resistito poco, prendendo il pareggio su un rimpallo su De Roon dopo aver giocato a lungo in una sola metà campo", aggiunge, minimizzando l'errore del portiere sul gol di Valeri: "A Musso la palla è rimbalzata davanti". Qualcosa di positivo, per Gasperini, comunque c'è: "Anche se ci sono stati errori grossolani, il gioco s'è sviluppato meglio rispetto ad altre partite", conclude con un occhio all'infermeria: "Zappacosta ha uno stiramento, per Zapata e Djimsiti si riparlerà dopo la sosta. Demiral l'abbiamo recuperato stamattina, aveva il ginocchio infiammato ma è un guerriero. Scalvini ha avuto una tonsillite".
        Soddisfatto per il punto conquistato contro un avversario che, a suo dire, è "il prodotto migliore del calcio italiano degli ultimi anni è invece il tecnico della Cremonese, Massimiliano Alvini: "aver recuperato il risultato in un clima così caldo è grande merito dei miei calciatori - dice - Bene la prima mezzora, poi abbiamo avuto una pessima gestione del possesso palla. Nella ripresa siamo stati schiacciati, ma abbiamo retto e, tirando fuori lo spirito, l'abbiamo pareggiata". (ANSA).